3 Falsi miti sul procurement

3 Falsi miti sul procurement

Vita dell'ufficio acquisti

3 Falsi miti sul procurement

L'ufficio acquisti spesso è etichettato come il poliziotto che controlla le spese e che frena le libertà di acquisto delle altre divisioni 😊.

Sono tante le etichette e i falsi miti che circolano sul mondo del procurement, qui ne abbiamo 3 che non dovrai mai menzionare davanti ad un CPO.

#1 Procurement è solo trovare il fornitore più economico

Una frase che si sente spesso quando ci si riferisce al procurement è che questo lavoro consiste nel trovare il fornitore più economico, il che non è necessariamente vero! Sebbene il costo ha un ruolo importante nella scelta di un fornitore appropriato, questo è solo uno delle variabili che vengono considerate per identificare eventuali fornitori appropriati.

In realtà c’è una vasta gamma di fattori che determinano se un fornitore è adatto o meno, fra questi:

  • Se l’azienda è solida
  • Tempo di consegna della merce
  • Se gestiscono la propria attività in modo etico, ad esempio compensando adeguatamente i propri fornitori
  • Identificare se possono contiuare a fornire beni / servizi in caso di emergenza
  • E altro ancora

#2 I processi introdotti dagli appalti sono solo burocrazia

Questo non è vero per niente! L'ufficio acquisti introduce procedure e processi di acquisto per garantire che l'intera azienda ne tragga vantaggio. Lo fa assicurando che vi sia un approccio centralizzato all'acquisto di beni e servizi e che tutti i reparti utilizzino fornitori pre-approvati, con tariffe pre-approvate per garantire che tutti i costi siano contabilizzati.

Ciò evita tutta una serie di costi non programmati e ha la funzione di ridurre la spesa Maverik. Inoltre, gli strumenti di eProcurement automatizzano gran parte di questi processi, riducendo i tempi e risparmiando denaro per tutte le operazioni di acquisto all'interno dell'azienda.

 #3 Il Procurement è parte del Finance

Questo è un altro mito, ma parzialmente vero per alcune aziende. Sebbene l'approvvigionamento trovi le sue radici nella finanza, nella maggior parte delle organizzazioni è diventato un dipartimento a tutti gli effetti. I Chief Procurement Officer (CPO) hanno spesso un posto nel consiglio di amministrazione di grandi aziende e prendono decisioni strategiche, vitali per la crescita delle attività.

In uno scenario ideale, la finanza stabilisce i limiti di spesa per l'ufficio acquisti e chi si occupa di procurement ha l’obiettivo di risparmiare denaro con misure di riduzione dei costi. Questa relazione interdipendente è fondamentale per garantire la crescita aziendale.


Loading...